• +39 0394 8320982
  • info@500bygucci.com
  • Via Vico Ferrovia 20 Nissoria, Enna
Automobili
Cerberus ha rinunciato alla partecipazione di Chrysler dopo la Fiat Alliance

Cerberus ha rinunciato alla partecipazione di Chrysler dopo la Fiat Alliance

Cerberus Capital Management, LP è uno degli azionisti di maggioranza di Chrysler LLC, una casa automobilistica privata. A causa dell’attuale clima economico, Cerberus interromperà la sua partecipazione in Chrysler mentre la casa automobilistica cerca un’alleanza con Fiat sPa, il gigante automobilistico italiano.
Quando il 30 marzo il presidente Barack Obama ha annunciato i suoi piani per General Motors e Chrysler, gli analisti automobilistici hanno affinato i dettagli nel tentativo di capire cosa fossero in anticipo le due società. GM ha avuto sessanta giorni per presentare i suoi piani di riorganizzazione mentre Chrysler è stato detto di stringere un’alleanza con la Fiat sPa o di dimenticare di rimanere in affari.

definitivo da caricare sito

Ovviamente, la posizione di Chrysler è tanto più disastrosa per il semplice motivo che la società è più piccola e non ha molta presenza al di fuori del Canada e degli Stati Uniti, i suoi mercati principali. La casa automobilistica ha anche registrato un calo delle vendite maggiore rispetto ai suoi principali rivali e non ha nuovi prodotti in cantiere che suggeriscano che l’azienda possa operare in modo indipendente per molto tempo.

Poco è dato alla stampa che si sia resa conto che Cerberus Capital Management LP, la società di private equity che ha acquistato l’80,1% delle azioni Chrysler da Daimler nel 2007, avrebbe dovuto rinunciare alla sua proprietà se fosse stata forgiata un’alleanza con Fiat. Attualmente, Daimler possiede il 19,9% di Chrysler mentre Fiat guadagnerà il 20% dopo aver stretto la sua alleanza con Chrysler. Le restanti azioni saranno di proprietà del governo federale che cercherà di recuperare il proprio investimento in Chrysler nei prossimi anni.
Se Chrysler torna alla solvibilità, la casa automobilistica sarà tenuta a ripagare ciò che deve al governo degli Stati Uniti prima che Fiat possa rivendicare un profitto. Infatti, una volta saldato il debito di Chrysler, la Fiat potrebbe aumentare la sua partecipazione in Chrysler, forse acquistando azioni del governo federale nel suo complesso.

Cerberus avrà ancora Chrysler Financial una società finanziaria separata per i veicoli Chrysler.

La società sarà inoltre tenuta a rimborsare i prestiti governativi, con un margine di due miliardi di dollari, prima che Cerberus possa sfruttare l’azienda per un profitto.
Chrysler deve anche miliardi ai lavoratori automobilistici della United in costi di copertura sanitaria per la pensione e altre spese relative ai lavoratori. Se l’alleanza della casa automobilistica con la Fiat crolla, la società sarà probabilmente costretta al fallimento del Capitolo 7 e le sue attività verranno liquidate. Chrysler ha diversi stabilimenti di produzione negli Stati Uniti e in Canada e ha diversi prodotti che possono essere venduti ad altri produttori di auto, tra cui la sua linea Jeep, il camioncino Dodge Ram e la sua famiglia di minivan.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *